PROGRAMMA DI GOVERNO DELLA COALIZIONE
“L’ALTRA SCAFATI”

Il programma amministrativo de l’Altra Scafati è ambizioso e realistico, così come devono essere le idee di chi si propone a governare una città di 60.000 abitanti che versa in una situazione di degrado.

Un programma fatto per gli Scafatesi e che, attraverso una prima breve fase di normalizzazione, deve rilanciare la Città, conferendo ad essa il ruolo di guida economica e sociale dell’Agro nocerino sarnese e restituendo benessere a tutti i cittadini, in special modo alle fasce deboli, cui deve essere ridata dignità. 

 

AMBIENTE

IL FIUME SARNO DA DISASTRO A RISORSA

La complessa e tormentata vicenda dell’inquinamento del fiume Sarno, che da straordinaria è diventata ordinaria dopo un cinquantennio di inefficienze e ritardi, deve essere definitivamente risolta per assicurare alla Nostra collettività l’attuazione del diritto alla salute, sancito dall’art. 32 della nostra Carta Costituzionale. La posa della prima pietra è avvenuta:

  • Il 24/11/2018, a Scafati presso la sala Don Bosco, su iniziativa del candidato alla carica di sindaco Avv. Marco Cucurachi e dell’ On. Simone Valiante, in qualità di vicepresidente dell’associazione Jambo, si tiene una conferenza programmatica nella quale, alla presenza del Ministro dell’ ambiente Generale dei C.C. Sergio Costa e dei sindaci dei comuni interessati, l’ Avv. Cucurachi propone un “PATTO D’AZIONE” sul fiume Sarno con una cabina di regia centralizzata che possa individuare e suddividere le competenze tra gli enti preposti al completamento dei collettori e al collegamento di questi ultimi ai depuratori.
  • Il 15/12/18 il Ministro Costa, al fine di dare seguito a quanto stabilito durante la conferenza, esegue diversi sopralluoghi presso i siti inquinati della Solofrana e della Cavaiola.
  • Il 22/01/2019 vengono inviati ai sindaci dei 42 comuni interessati i questionari per comprendere e individuare le principali problematiche concernenti il fiume Sarno.
  • Il 27/03/2019 L’ On. Ministro Sergio Costa invita i sindaci a Roma presso la sede del Ministero dell’Ambiente per redigere un masterplan per il disinquinamento del Sarno.
  • Il 03/04/2019 si tiene a Roma il tavolo istituzionale che rappresenta il primo concreto passo per avviare l’iter per il disinquinamento del fiume Sarno.
  • In ottemperanza a quanto già avviato, l’iter potrà completarsi attraverso l’impegno dell’Avv. Cucurachi e dell’amministrazione tutta a tenere sempre la barra alta sul tema in caso di elezione al fine di realizzare con passione e sacrificio il sogno di intere generazioni scafatesi. Il tutto passa anche attraverso la creazione di un assessorato ad hoc, denominato “Assessorato al fiume Sarno”, che potrà dare un notevole impulso alle iniziative per il disinquinamento.
  • Potenziare la comunità bacino del SARNO arrivando ad una massa critica in modo da drenare i fondi europei. Tale comunità deve avere carattere operativo esecutivo al di sopra dei comuni. Il presidente dovrà essere a rotazione e a tempo, il consiglio votato tra i consiglieri dei vari comuni.

 

SICUREZZA

Scafati deve tornare ad essere una Città sicura. Abbiamo, per questa ragione, individuato una serie di proposte concrete che possano determinare il rilancio della città sotto questo punto di vista:

  • Elevazione della Tenenza dei Carabinieri a Compagnia, dando attuazione a quanto già deliberato dal Consiglio Comunale di Scafati in data 04/12/2013 su nostra proposta. La prima iniziativa di questa amministrazione andrà proprio in tale direzione. Solleciteremo, infatti, la convocazione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica da parte del Prefetto di Salerno, alla presenza del Questore, del Presidente della Provincia, dei Comandanti Provinciali dei Carabinieri e della Guardia di Finanza e del Procuratore della Repubblica di Salerno. Il comitato dovrà recepire la proposta ed avviare il tavolo istituzionale per completare l’iter di conversione della Tenenza in Compagnia.
  • Potenziamento dell’organico del corpo di Polizia Municipale in modo da garantire un presidio costante ed efficace sul territorio.

 

RIFIUTI

La nostra Scafati, così come gli altri comuni dell’agro nocerino, è afflitta dal problema rifiuti: cumuli di spazzatura continuano a formarsi e ad aumentare a causa dello scarso senso civico di persone che sversano illegalmente i rifiuti (sostanze non conformi, conferimenti in giorni non previsti dal calendario, ecc.) e che rendono più difficoltosa la raccolta degli stessi da parte dell’ACSE. A tal fine, su impulso dell’Avv. Marco Cucurachi e di un gruppo di suoi sostenitori, è nata l’associazione di promozione sociale Scafati Terra Mia, impegnata in attività volte a sostenere e favorire la difesa dell’ambiente e del territorio che ha deciso di donare all’ente videocamere di sorveglianza da installare sul territorio comunale, che porteranno notevoli benefici:

  • ridurre sensibilmente l’inquinamento da rifiuti
  • contrastare ed identificare gli autori degli sversamenti illegali dei rifiuti
  • verificare l’effettivo ritiro dei rifiuti
  • aumentare la sicurezza per le strade cittadine.

In aggiunta si dovrà procedere alla riorganizzazione e al potenziamento della partecipata ACSE, affidataria in house del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, costretta ad operare in sotto organico.

 

LAVORO

Il Comune di Scafati vive oggi una situazione di notevole difficoltà dal punto di vista della composizione della pianta organica, la quale consta, attualmente, di soli 170 dipendenti circa a fronte di un fabbisogno medio di 450 dipendenti circa. E’ giunto il momento di ovviare a questa forte carenza di personale. Intendiamo, pertanto, redigere un piano straordinario per l’assunzione di 200 dipendenti circa da sottoporre all’ attenzione del Ministero dell’ Economia e della Finanze, tenendo anche conto della situazione di forte difficoltà finanziaria dell’ ente.

Le nuove assunzioni consentiranno di risolvere definitivamente la vicenda della gestione dei TRIBUTI, tema per il quale abbiamo negli anni condotto tante battaglie. Nelle ultime due amministrazioni il servizio è stato affidato alla Ge.Se.T, società che è costata alle casse comunali circa 12 milioni di euro. Il nostro obiettivo è quello di internalizzare la gestione dei tributi in modo da efficientare la riscossione e produrre un notevole risparmio nei costi del servizio.

Rilanciare ed avviare, in accordo con le realtà imprenditoriali esistenti sul territorio, dei piani di sostegno all’imprenditoria e tali da attrarre nuovi investimenti sul territorio (attraverso agevolazioni fiscali, piano di insediamento produttivo, potenziamento delle infrastrutture).

 

TURISMO

In stretto rapporto con le tematiche del lavoro e della pianificazione urbanistica il nostro programma amministrativo prevede la co-pianificazione urbanistica per la rigenerazione urbana della città con il distretto turistico Pompei-Monti Lattari-Valle del Sarno, considerando spazi, infrastrutture e sistema di accoglienza turistica.

Perché non parlare di turismo anche per Scafati ? Negli anni passati ci è sembrato che per la politica scafatese il turismo fosse un argomento tabù. Noi, invece, ci crediamo fortemente. Abbiamo, per questa ragione, provato ad immaginare una “VIA DEL TURISMO” che possa mettere la Città di Scafati al centro di una vasta rete di collegamenti tra la Città di Napoli e le incantevoli località della Costiera Amalfitana. E’ fondamentale, da questo punto di vista, costruire un team di esperti che sia in grado di relazionarsi con gli enti preposti quali Regione Campania e Distretto Turistico di Pompei, Monti Lattari e Valle del Sarno e nel contempo di intercettare tutti i fondi di cui Scafati è destinataria. Nel periodo 2021-2027 i Distretti turistici saranno destinatari di fondi comunitari nell’ ambito della programmazione FESR. Vogliamo che al Distretto a cui apparteniamo sia assegnata la cabina di regia per la distribuzione degli investimenti perché riteniamo che rappresentino uno strumento efficace che, attraverso politiche di sviluppo sostenibile, possa valorizzare l’ identità e la storia delle nostre comunità. Il tutto passa attraverso la riqualificazione di tutte le strutture che abbiamo nel nostro Comune perché pensiamo che siano le uniche depositarie delle nostre più profonde radici culturali ed identitarie. Destineremo, infatti, una parte di quei fondi alla riqualificazione del Real Polverificio Borbonico, struttura che abbiamo a cuore e per la quale negli anni ci siamo battuti con forza e passione. Quest’ultimo può rappresentare il cuore pulsante di questa azione perché attraverso il Viale dei Platani si può agevolmente raggiungere la Città di Pompei, con la quale dovrà nascere una profonda sinergia dal punto di vista turistico e culturale. A tal proposito, intendiamo finanziare la costruzione di strutture ricettive ( alberghi, bed and breakfast, etc. ) perché crediamo che sia una condizione imprescindibile per lo sviluppo della nostra Città sia dal punto di vista turistico che dal punto di vista occupazionale. Saranno, infatti, necessarie circa 300 assunzioni per garantire il buon funzionamento di tali strutture. Dedicheremo le nostre energie anche alla “Casa del Guardiano”, per troppo tempo abbandonata a sé stessa, grazie soprattutto al degrado in cui versa la pista ciclabile. Riteniamo che, vista anche la sua posizione strategica, possa costituire un centro per attività ricreative da mettere a disposizione della cittadinanza a titolo completamente gratuito. E’ chiaro che il recupero della Casa dovrà essere funzionale anche alla riqualificazione della pista, che dovrà essere restituita ai cittadini in condizioni dignitose e accettabili.

 

AGRICOLTURA

Piano per la valorizzazione della produzione ortofrutticola ed agroalimentare della città, in funzione della presenza di numerose varietà orticole tipiche della zona e della tradizionale vocazione alla trasformazione dei prodotti agricoli.

 

SANITA’

L’ ospedale Mauro Scarlato potrebbe sembrare un cavallo di battaglia da utilizzare per condurre una banale campagna elettorale. Negli anni abbiamo assistito a continue e false promesse da parte di chi lo ha chiuso e di chi lo poteva riaprire e non lo ha fatto. Sicuramente siamo gli unici a poter dire di aver fatto nel concreto tutto il possibile per ottenere la riapertura del nosocomio scafatese. Siamo, infatti, stati invitati a partecipare alla commissione Sanità della Regione Campania tenutasi il 02/03/16 durante la quale abbiamo proposto il potenziamento del Punto di Primo Intervento, in modo da ottenere un corpo organico che potesse avvicinarsi ad un Punto di Pronto Soccorso della rete emergenziale ospedaliera. L’ ospedale sarà al centro della nostra azione amministrativa. Intendiamo essere promotori di una sinergia istituzionale tra Comune, Regione e Asl che possa confluire in un tavolo che sia in grado di mettere in campo tutte le azioni necessarie per ottenere la riapertura dell’Ospedale nel giro di 6 mesi.

 

CENTRO STORICO

Il centro storico di Scafati deve tornare ad essere il cuore pulsante della Città. Quest’ultimo ha da sempre rappresentato la pietra miliare delle nostre battaglie politiche. Nel 2015, infatti, ci siamo battuti in consiglio comunale per la sua riqualificazione, cercando di fare in modo che fossero correttamente investiti i 5 milioni di euro spettanti al Comune di Scafati nell’ ambito dei fondi comunitari. Vogliamo che il centro storico sia restituito ai cittadini sotto nuove vesti. Abbiamo intenzione di investire una parte dei Fondi PICS, riconosciuti al Comune di Scafati nell’ ambito del programma FESR 2014/2020 per il miglioramento della sicurezza urbana, al fine di riqualificare e rilanciare il Quartiere Vetrai. E’ fondamentale favorire e sostenere l’imprenditoria femminile e giovanile mediante il finanziamento a fondo perduto di almeno 15 progetti, con la garanzia della sostenibilità progettuale e di corpose agevolazioni fiscali per i primi 5 anni di attività con l’inserimento di clausole sociali che prevedono l’assunzione di giovani scafatesi.

 

VIABILITA’ E DECORO URBANO

Recupero del decoro e funzionalità dell’arredo urbano; Viabilità: Studio nuovo piano per la viabilità, pedonalizzazione centro città, messa in sicurezza strade cittadine, controllo e repressione comportamenti illeciti (sosta selvaggia, velocità, etc.).

Recupero della Villa Comunale attraverso la riqualificazione realizzazione di chioschi, iniziative per la valorizzazione, creazione area per i bambini; creazione percorsi sportivi.

 

ANIMALI

Molto spesso si è portati a pensare che l’argomento “animali” sia di serie B. Noi, a differenza degli altri, ci riproponiamo di affrontare con soluzioni concrete anche il problema della tutela degli animali d’affezione.

Nella nostra coalizione tanti sono i candidati che già da anni sono parte attiva in questo campo, i quali a proprie spese hanno sostenuto e continuano a sostenere la lotta all’abbandono e al randagismo nonché la cura di tutti gli animali di strada.

Ebbene è arrivato il momento di dare una risposta a tutte quelle associazioni che, abbandonate da tempo a sé stesse dalle istituzioni, si vedono costrette ad operare senza mezzi né risorse.

I capisaldi della nostra azione di governo saranno:

  • Istituzione di un “ufficio per i diritti degli animali” a garanzia della tutela dei diritti degli animali sul territorio comunale che possa operare in autonomia e in sinergia con l’ASL locale al fine di intervenire quando sarà necessario. L’ufficio sarà un punto di riferimento anche per l’attività di consulenza, sensibilizzazione ed informazioni sulla tutela ed il benessere degli animali d’affezione.
  • Applicazione della legge regionale n. 16/2001 in materia di prevenzione del fenomeno del randagismo mediante un censimento degli abitanti che detengono un animale d’affezione e la microcippazione obbligatoria degli animali randagi e non, con conseguente sterilizzazione degli animali di strada all’interno del canile comunale.
  • Limitare l’acquisto di cani e gatti presso allevamenti autorizzati e disporre controlli severi su tutti quelli presenti in zona soprattutto in relazione al controllo delle nascite onde evitare uno sfruttamento degli animali per la riproduzione intensiva.
  • Operare interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria al canile comunale; verificare lo stato di agibilità dei box e delle strutture connesse; verificare i requisiti e le competenze del personale medico sanitario a disposizione degli ospiti del canile; fissare orari di apertura e chiusura al pubblico onde consentire a chiunque di vedere gli animali in adozione; registrare le donazioni effettuate dai privati al canile e razionalizzazione delle risorse comunali e regionali.
  • Dotare la polizia locale di agenti in grado di intervenire h 24 in caso di emergenze di carattere animalista.
  • Istituire un servizio di pronto intervento veterinario.
  • Istituzione di un gattile comunale.
  • Inserimento delle clausole sociali nelle manifestazioni d’interesse relative al canile, con preferenza dei soggetti facenti parti di associazioni di volontariato presenti sul territorio e registrate presso l’ente comunale.
  • Controllo e regolarizzazione delle strutture adibite a pensioni per gli animali e detenute da soggetti privati.
  • Istituzione di task force presso la polizia municipale al fine di sanzionare coloro i quali deturpano le strade della nostra città con gli escrementi dei propri animali d’ affezione.

 

PIANI URBANISTICO E PARCHEGGI

Riteniamo che la questione parcheggi sia di fondamentale importanza per la nostra comunità perché essi costituiscono una condizione necessaria e imprescindibile per lo sviluppo economico e turistico. Innanzitutto il Comune di Scafati deve procedere alla predisposizione e alla approvazione del PUC ( Piano Urbanistico Comunale ), senza il quale è impossibile programmare interventi di riqualificazione del patrimonio edilizio già esistente e interventi di nuova costruzione. Successivamente deve dotarsi di un innovativo PUP (Piano Urbano Parcheggi ) mediante il quale si possano censire le aree di parcheggio già presenti e pianificare la costruzione di nuove. Questi ultimi rappresentano strumenti urbanistici di notevole importanza per poter pensare allo sviluppo della nostra Città.

Crediamo fortemente nella riqualificazione dell’area contigua alla stazione dello Stato di Scafati, utilizzata molti anni fa come zona di carico e scarico merci e ora dismessa. Intendiamo creare uno snodo hub commerciale con un’area di parcheggio all’ interno della quale consentire anche la sosta di mezzi di trasporto di proprietà del Comune che possano, da una parte, portare in giro i turisti a visitare le ricchezze della nostra Scafati e, dall’ altra, collegare la nostra Città con tutte le bellezze della regione Campania. Così facendo, garantiremo un supporto a tutte le strutture ricettive del territorio, le quali potranno beneficiare del flusso generato dallo snodo, e, nel contempo, riusciremo a riqualificare e la nostra Città, da troppo tempo mortificata e abbandonata.

Avviare un’intesa con gli altri enti territoriali al fine di potenziare il trasporto pubblico per la circolazione urbana e di collegamento con i maggiori punti di interesse (aeroporti, stazioni ferroviarie, mete turistiche), con il triplice beneficio di aumentare le presenze sul territorio di turisti e diminuire traffico ed inquinamento.

 

POLITICHE SOCIALI

I Servizi Sociali sono servizi del Comune, che operano sulla base di normative nazionali, regionali e comunali.

La loro mission è quella di promuovere il benessere e l’autonomia dei cittadini, delle famiglie e dell’intera comunità locale, attraverso interventi mirati allo stato di bisogno dei cittadini che vivono situazioni di disagio.

Scafati è consorziata nel Piano di Zona S01_02 con i Comuni di Angri, S.Egidio del Monte Albino e Corbara. Il Piano di Zona è lo strumento di pianificazione territoriale per lo sviluppo di una politica locale di servizi ed interventi sociali.

La programmazione degli interventi sociali comunali fa riferimento alla disponibilità finanziaria dei bilanci comunali, ma anche alla programmazione finanziaria del Piano Sociale di Zona con la possibilità di attingere ai trasferimenti nazionali e regionali.

Da ciò deriva la necessità di  essere parte attiva e propositiva rispetto agli altri Comuni componenti l’ambito territoriale, per sviluppare  i servizi prioritari indicati dal Piano regionale delle Politiche Sociali e che afferiscono ai diversi livelli di un Welfare moderno: servizi domiciliari, servizi comunitari a ciclo diurno, interventi di inclusione sociale, servizi per le famiglie, interventi di prevenzione del disagio minorile,  servizi per la prima infanzia, assistenza alla donna e agli anziani e ai  disabili psichici e fisici. Per poter attuare ed individuare i bisogni del cittadino è necessario migliorare i servizi che consentono l’accesso, l’ascolto, l’informazione, l’orientamento dei cittadini e la presa in carico dei loro bisogni/problemi.

La programmazione sociale del Comune deve essere complementare alla programmazione dell’ambito territoriale, al fine di evitare gli sprechi ed attuare interventi non già previsti dal Piano Sociale di Zona o non sufficientemente rispondenti allo stato di bisogno.

La nostra coalizione come primo intervento propone il censimento di tutte le Associazioni presenti nella nostra Città, sia quelle di volontariato che culturali e sportive, con la successiva convocazione di queste ultime, le quali dovranno essere necessariamente connesse con il tessuto sociale al fine di dare contezza immediata dei vari interventi da attuare e pianificare sul piano locale.

Uno dei connotati principali che sta alla base di questo approccio risiede nel protagonismo attivo e responsabile di una pluralità di soggetti che non sono e non può più essere intesa unicamente come destinataria o fornitrice dei progetti.

Con questa modalità e attraverso la voce dei loro rappresentanti, tutti i cittadini parteciperanno alla definizione di un modello di città che sia in grado di dare risposte non solo ai reali bisogni, ma anche di renderli co-attori della governance.

 

SPORT

La città di Scafati si è sempre distinta per i successi sportivi, al fine di coltivare l’interesse e le passioni degli Scafatesi. Ci proponiamo di ridare lustro alla storia dello sport nella nostra Città attraverso il supporto alle associazioni sportive, sostenendo tutte le iniziative e le manifestazioni di carattere regionale, nazionale ed internazionale. In tal senso dovrà essere inserita una manifestazione, con il patrocinio della Città di Scafati, in memoria del mai abbastanza compianto Giovanni Vitiello, “ Giovanni Lo Sceriffo “, che propugni i valori da Lui sempre sostenuti.

Razionalizzazione e potenziamento delle strutture sportive presenti, favorendo la fruizione delle stesse sia alle associazioni che ai privati a tariffe di vantaggio.

Proposta alle società sportive di maggiore interesse e storia per la creazione di una polisportiva con eventuale azionariato popolare.

* * * * *

Si programma amministrando e si amministra programmando.

Lasciamo anche alla Città il compito di far emergere eventuali temi, argomenti e materie non ricomprese nel nostro programma, involontariamente escluse e per le quali mostreremo sensibilità ed apertura come è compito di chi si propone ad amministrare la cosa pubblica.

Marco Cucurachi

Candidato a Sindaco della Coalizione “l’altra Scafati“